sabato 5 dicembre 2009

Congresso del circolo Romana-Calvairate e congresso della Federazione Metropolitana Milanese

Nell'ambito del percorso congressuale del Partito Democratico, anche la federazione metropolitana di Milano e il circolo Romana-Calvairate rinnoveranno le cariche.


Il congresso provinciale e del circolo è convocato
domenica 13 dicembre 2009
dalle 10:00 alle 13:00
presso la sede del circolo in via Tommei 3


Durante il congresso discuteremo delle attività svolte dal circolo fino a oggi e delle iniziative che ci aspettano per i prossimi appuntamenti politici ed elettorali: le battaglie contro l'attuale governo e le proposte politiche del PD, le elezioni regionali a marzo 2010 e quelle comunali nel 2011.


Al congresso provinciale voteremo per eleggere il segretario metropolitano milanese, Roberto Cornelli (sindaco di Cormano e ricercatore all'Università degli Studi di Milano Bicocca) è il solo candidato, e l’assemblea congressuale della provincia di Milano. Per l’assemblea saranno presentate più liste (disponibili a questo link, il nostro è il collegio 2) a sostegno di Cornelli tra cui scegliere per il proprio voto. Possono votare solo gli iscritti al PD.


Al congresso di circolo voteremo per eleggere il coordinatore del circolo e il coordinamento del circolo, che sarà composto da 16 persone, rispettando la parità di genere. Possono votare e candidarsi solo gli iscritti al PD. Ogni candidato a coordinatore deve presentare una lista di persone per il coordinamento accompagnata da almeno 12 firme a sostegno. Il termine per la presentazione delle candidature a coordinatore e della lista collegata è fissato per giovedì 10 dicembre alle ore 20:00. Le candidature devono essere presentate al coordinatore uscente tramite posta elettronica (pd.romanacalvairate@gmail.com) o a mano, previa telefonata al numero del circolo (327-3399963). È possibile avere informazioni sui ruoli del coordinatore e del coordinamento, sul congresso in generale e sul regolamento congressuale in particolare telefonando allo stesso numero.


Chi non è iscritto, ma ha comunque voglia di contribuire, può partecipare ai lavori del congresso senza diritto di voto.

1 commento:

fiorenzo ha detto...

Caro Bersani,

Indirizziamo questa lettera a te, ma anche a tutta la dirigenza nazionale del Partito Democratico, per esprimere una profonda insoddisfazione.

Apparteniamo al popolo delle primarie che lo scorso ottobre ha votato per il rilanciare il progetto di partito nuovo. Molti di noi hanno partecipato alla sua nascita e fatto campagna elettorale per eleggere i nostri rappresentanti dall’estero al Senato e alla Camera. Vivendo fuori d’Italia, ma restando impegnati in politica, ci troviamo in un osservatorio privilegiato per guardare e valutare le vicende del PD e del paese. E quel che vediamo e’ seriemente preoccupante.

A tre mesi dall’elezione della nuova dirigenza, quel partito nel quale crediamo e vogliamo partecipare – un partito di opposizione al governo Berlusconi e difesa della Costituzione, aperto e a vocazione maggioritaria - non da’ segni di vita.

La questione al centro sia dello Statuto che dell’idea originaria del PD – la democrazia interna – e’ stata calpestata nella vicenda delle candidature in Lazio e Puglia. Come tanti altri, ci sentiamo indignati per questa indifferenza nei confronti degli iscritti. Forse la comprendiamo anche meglio di altri, perche’ la sperimentiamo, vivendo all’estero, ad ogni tornata elettorale quando il Partito ci chiede di far campagna, ma non ci consulta e non ci ascolta.

Quel che e’ piu’ grave, le recenti candidature regionali pongono altre domande. Dov’e’ la vocazione maggioritaria di un partito che mette le alleanze prima del suo progetto politico? Esiste un progetto politico? Su questioni fondamentali che definiscono la pericolosa natura autoritaria di questo governo, quali la privatizzazione di funzioni pubbliche e l’uso della sicurezza per manipolare la xenophobia e indebolire la legalita’, il Partito non ha dimostrato fermezza morale e politica.

Questo non e’ il Partito al quale ci siamo iscritti. Chiediamo ai suoi vertici di dimostrare che stanno lavorando nella direzione che ha animato il nostro impegno fin dall’inizio.

E’ ora di svegliarsi.

Il Circolo Pd di NY
fiorenzoborghi@gmail.com