sabato 31 dicembre 2011

Cara democratica, caro democratico,

con la speranza che abbiate trascorso un sereno natale e nell'augurare ai simpatizzanti e agli iscritti un felice anno nuovo, desideriamo ringraziare tutti per il sostegno e l'impegno che ha permesso al Partito Democratico di Milano di essere protagonista dell'intensa attività politica che ci ha portato, con l'appoggio al Sindaco Pisapia, di governare la città.

Grazie al vostro contributo il Partito Democratico in zona 4 è risultato il primo partito con il 34% delle preferenze.

Il Circolo Romana-Calvairate ha avuto un ruolo importante, con una forte presenza sul territorio che è continuata anche nei mesi successivi alle elezioni con una serie di attività di comunicazione e confronto con i cittadini, culminata nei mesi di novembre e dicembre nelle iniziative della campagna "Politica per passione" sul tema del lavoro, che ha visto la partecipazione dell'on. Donata Lenzi e del sen. Pietro Ichino.

Tutto questo è stato possibile grazie alla vostra partecipazione.

Vi aspettiamo ai prossimi incontri con la speranza che le attività in programma per il 2012 possano incontrare nuovamente il vostro interesse e il vostro appoggio!

--

Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

giovedì 22 dicembre 2011

Nuove regole e una significativa redistribuzione del reddito


Con 257 sì e 41 no passa la fiducia al governo sul decreto Salva Italia. Dichiarazione di voto di Nicola Latorre alla manovra economica del governo Monti. “Rigore e serietà nelle proposte e nei comportamenti: questo serve oggi all'Italia”

                                                       
senato
Signor Presidente, signor Primo Ministro, signori del Governo, colleghi, approveremo anche qui al Senato come alla Camera una manovra che per i sacrifici chiesti a tutti gli italiani è durissima ma che serve al Paese perché commisurata alla drammaticità del momento. E' una manovra non più rinviabile poiché ogni ora trascorsa, senza agire, avrebbe reso sempre più amara la cura necessaria giacché ormai eravamo prossimi al precipizio. Occorreva dunque agire subito e con coraggio.

È questa la ragione per cui il nostro partito, il Partito democratico, ha rinunciato ad una competizione elettorale che ci avrebbe visto quasi certamente vincenti, ma che avrebbe potuto consegnarci dopo un Paese in frantumi. E smettiamola con questa sciocchezza della sospensione della democrazia. Questo Governo è nato nel pieno rispetto delle procedure costituzionali, proprie di una democrazia parlamentare qual è la nostra.

Molto del futuro dell'Italia dipenderà da come usciremo da questa crisi che è diversa da quelle affrontate nel passato e non solo perché sono diversi i numeri e non è poca questa differenza ma anche perché è profondamente diversa la sua natura. Quella che oggi non riguarda soltanto noi anche se il nostro è uno dei Paesi più esposti. E non è soltanto una crisi economica. Stanno crollando alcuni pilastri che reggevano gli equilibri e le strutture delle società in questa parte del mondo.

Un grande storico del Cristianesimo ha scritto di recente che la svolta storica che ci sovrasta è di proporzioni superiori al panico che produce ma che non è la fine del mondo, è la fine di un mondo, un vero e proprio passaggio di epoca che ci impone di affrontare l'emergenza, tenendo fermo lo sguardo sul futuro. E che cosa se non la politica può garantire questo nesso? Altro che meno politica!

Sono questi i momenti in cui la politica deve sapere riaffermare il suo primato. Guai dunque a smarrire il filo tra le scelte di oggi ed il domani che vogliamo, convinti come siamo che a quel domani si deve arrivare con nuove regole e con una significativa redistribuzione del reddito. Sì, una redistribuzione del reddito.

Vedete, una società nella quale - come ci ha ricordato la Banca d'Italia - alla fine del 2008 il 10 per cento delle famiglie possedeva il 45 per cento della ricchezza nazionale, mentre la metà delle famiglie ne deteneva solo il 10 per cento, è una società inevitabilmente destinata al declino.

Ecco perché noi abbiamo insistito tanto sul tema dell'equità. E' un bisogno di giustizia sociale ma è anche un'esigenza economica. Ed allora il recupero della indicizzazione delle pensioni minime sino a 1.400 euro, l'aumento della detrazione Imu, in base al carico familiare sono state correzioni importanti che aggiunte ai nuovi strumenti di lotta all'evasione fiscale ed alle tasse sui beni di lusso, ai buoni sulle operazioni finanziarie contenute nella manovra introducono certamente elementi di equità e di novità, molto positivi. Ma non basta! Ora dobbiamo agire per sanare altre ingiustizie, che ancora persistono come quelle che riguardano i cosiddetti lavoratori precoci oltre ai tanti non coperti dagli ammortizzatori sociali, la cui riforma non è più rinviabile.

L'altro ieri il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che vogliamo qui ancora una volta ringraziare perché nella nebbia di questa crisi ha rappresentato una luce che ha illuminato una possibile via d'uscita, ha ribadito che non c'è risanamento senza crescita, che senza politiche per la crescita rischiamo di dilapidare anche questa manovra.

Ma occorre dare, caro Presidente, rapidamente attuazione a misure incisive su pochi e selezionati capitoli, rompendo l'insopportabile groviglio di rendite di corporazioni, puntando ad estirpare la piaga del lavoro nero ed a liberare dall'esclusione sociale e dalla precarietà le donne e i giovani italiani a cui si aggiungono i tanti che il lavoro lo stanno perdendo, ritrovandosi troppo giovani per la pensione e troppo vecchi per un nuovo lavoro.

Come lei, presidente Monti, ha sottolineato - è molto importante quello che ci ha detto questa mattina - questi obiettivi rendono indispensabile la ricerca di un nuovo patto con tutte le forze sociali, oggi più realizzabile anche grazie ad una ritrovata unità del sindacato italiano. Rigore e serietà nelle proposte e nei comportamenti (anche nei nostri): questo serve oggi all'Italia.

È del tutto legittimo che ci si collochi all'opposizione, ma guai se la demagogia prende il sopravvento. Spiace rilevare che i colleghi della Lega, che sino a poche ore fa erano al Governo, ora sono come improvvisamente rapiti da un'ebbrezza rivoluzionaria quando vengono in Aula o quando sono davanti alle telecamere. Ma se hanno perso il pelo, non hanno perso il vizio: quando quelle telecamere si spengono, eccoli pronti a votare per il mantenimento dei doppi incarichi e dei doppi stipendi di sindaci e senatori. Quando quelle telecamere si riaccendono, sono pronti ad insultare il Sud come luogo dello spreco, ma quando si spengono eccoli pronti a difendere il Sud di Cosentino.

Infine, non possiamo sprecare altro tempo per le riforme: per cambiare la legge elettorale e ristabilire quel rapporto tra elettori ed eletto che è stato fondamentale per la nostra democrazia, per superare il bicameralismo perfetto, per ridurre il numero dei parlamentari e per proseguire in quel lavoro (che, presidente Schifani, è stato già iniziato insieme al Presidente della Camera) per ridurre i costi impropri della politica, senza mai confonderli con i costi della democrazia (perché la democrazia ha un costo). Solo così avremo le carte in regola per respingere i linciaggi qualunquistici che sentiamo echeggiare e che tanto male possono fare alla democrazia. Tutto questo si rivelerà proficuo soltanto in una dimensione europea.

Presidente Monti, abbiamo apprezzato molto questa consapevolezza, che lei ha più volte espresso. A questo punto, però, la prospettiva europea richiede che si affronti con coraggio e chiarezza il tema della legittimazione e della vitalità democratica del progetto europeo. O l'Europa sarà sempre più quella del popolo europeo e sempre meno la somma dei Governi, oppure non sarà. Oggi, purtroppo, non è questa la linea di tendenza che sta prevalendo nella condotta dei Governi, ad iniziare da quello tedesco, che pensa più ad un'Europa tedesca che ad una Germania europea. Un'Italia che torna finalmente protagonista in Europa deve impegnarsi per sconfiggersi quella linea. La sfida è di quelle che possono far tremare i polsi, ma il Partito Democratico la affronterà, consapevole delle difficoltà - sono tante -, che ci aspettano, ma con la serenità e la determinazione di chi sa che l'Italia è un grande Paese, che ha al suo interno le risorse umane e morali per vincere questa sfida. Con questo spirito, Presidente, le rinnoviamo la nostra fiducia.

lunedì 19 dicembre 2011


Politica per passione – Il lavoro


Si è concluso il 16 dicembre il ciclo di incontri organizzato dal Circolo PD Romana Calvairate sul tema del lavoro, con la partecipazione del senatore Pietro Ichino.

Questo incontro è stato preceduto da due appuntamenti.

Nel corso del primo, che si è tenuto il 15 novembre, è stato ampiamente discusso il documento approvato dalla Conferenza nazionale per il lavoro di Genova del giugno scorso. Nel documento sono contenute sia l’analisi sia le proposte del Partito Democratico su questo tema di fondamentale importanza, in particolare per quanto riguarda le prospettive per l’occupazione giovanile e delle donne.
Inoltre, le riforme realizzate nell’arco di più legislature hanno introdotto nel mercato del lavoro italiano importanti elementi di flessibilità, in particolare attraverso molteplici tipologie contrattuali atipiche, senza però che queste fossero corredate dai diritti e dalle tutele sociali che invece configurano la “flessicurezza” di stampo europeo, dando origine a un’estesa precarizzazione dei rapporti di lavoro.



Questi temi sono stati approfonditi nel corso del successivo incontro dal titolo “Uguaglianza, efficienza, solidarietà: un lavoro più equo per tutti”, che si è tenuto il 25 novembre e al quale ha partecipato l’onorevole Donata Lenzi, parlamentare del Partito Democratico e membro della Commissione parlamentare Affari sociali.


Nel ribadire le proposte del PD contenute nel documento della Conferenza nazionale, Donata Lenzi ha evidenziato che sono tre i punti sui quali è necessario organizzare il nostro intervento: l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori non ha ragione di essere messo in discussione; deve essere attuata una “flessibilità sicura”; infine che il lavoro “precario” deve costare di più del lavoro dipendente.



Il lavoro e le nuove generazioni” è il titolo dell’ultimo incontro, che si è tenuto il 16 dicembre, con la partecipazione del senatore Pietro Ichino che ha illustrato la sua posizione, presentando il libro Inchiesta sul lavoro e rispondendo alle domande dei presenti.


 Nelle sue risposte Ichino, oltre a precisare via via alcuni aspetti del progetto, ha anche ribadito che è soprattutto necessario un cambiamento di mentalità che superi i modelli di lavoro legati al passato, quando l’aspettativa di vita, lo stesso modo di lavorare erano diversi. Con quel modello, secondo Ichino, noi facciamo pagare ai giovani il debito contratto dalla generazione che li precede.
  

  

L’interesse suscitato da questi incontri e la lusinghiera partecipazione sono la dimostrazione che il tema del lavoro è fondamentale non solo per l’azione e le proposte del Partito Democratico ma per garantire al nostro disastrato paese un futuro degno di questo nome.

incontro 20 dicembre

Martedì 20 dicembre alle 21.00 riunione del circolo con il seguente odg:
 
- 2011, un anno di intensa attività politica.
- Auguri con spumante e panettone.

  
--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

sabato 17 dicembre 2011

La Camera dei Deputati approva la manovra economica

http://beta.partitodemocratico.it/doc/228197/la-camera-dei-deputati-approva-la-manovra-economica.htm

Con 495 voti favorevoli e 88 contrari la Camera ha approvato il voto di fiducia posto dal Governo per l'approvazione, senza emendamenti ed articoli aggiuntivi, della manovra economica “salva Italia” (decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, recante disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici. L'intervento in Aula del segretario Pier Luigi Bersani con la dichiarazione di voto.

"Manterremo il nostro impegno senza alcun limite temporale che non sia la scadenza della legislatura". "Il Paese deve qualcosa a chi è andato a lavorare a 15 anni, adesso parlare di mercato del lavoro significa affrontare il grande progetto delle tutele e degli ammortizzatori sociali".



L'intervento in Aula del segretario Pier Luigi Bersani

Dichiarazione di voto

Signor Presidente, signor Presidente del Consiglio, noi abbiamo promesso lealtà al suo Governo in nome di un impegno nazionale. Manterremo la promessa oggi e domani - voglio dirlo a qualche commentatore frettoloso - senza alcun limite temporale che non sia la fine naturale della legislatura. Abbiamo promesso agli italiani - e, al tempo stesso, ai nostri elettori - assoluta sincerità, trasparenza e parole chiare. Anche questa promessa la manterremo oggi e domani, tenendo viva la nostra visione e il nostro orizzonte di ricostruzione democratica, sociale del Paese, per la quale continuiamo a lavorare.


Questo Governo ha il compito, con l'aiuto di tutti, di evitare la catastrofe, di togliere l'Italia dal fronte più esposto della crisi, di far sentire la voce italiana a correzione di politiche europee palesemente inadeguate. Noi non abbiamo mai taciuto negli ultimi due anni le nostre preoccupazioni, la nostra analisi della crisi, i rischi che incombevano sul Paese e i problemi, quando non si affrontano e quando li si nega, si aggravano e le medicine, a quel punto, diventano più pesanti. Questo lo sappiamo e questo lo vediamo.

A questo proposito, colleghi leghisti, cosa dire? Non c'è nessuna esibizione e nessuna vostra critica che possa far dimenticare una cosa semplice e chiara: ve la state prendendo violentemente con chi è qui da otto giorni, ma voi avete guidato la macchina per otto anni e l'avete parcheggiata dove siamo adesso, e cioè ampiamente nei guai. O volete farci credere che venite dalla Padania di Marte?

Basta demagogie, basta demagogie, dobbiamo dare prospettive all'Italia e alle nuove generazioni, e c'è un lavoro duro da fare, e non lo diciamo da oggi, l'abbiamo detto anche al vecchio Governo. Non vi tremi il polso, ed a questo Governo abbiamo chiesto coraggio e equità, e assieme all'equità abbiamo chiesto un'attenzione al problema della recessione a all'esigenza di dare qualche stimolo al lavoro e alle attività economiche.

Non c'è dubbio che la manovra così com'è stata modificata dal Parlamento ha fatto dei passi avanti, li riconosciamo e lasciateci dire che vediamo in questo anche i segni del nostro lavoro, nella nostra iniziativa e delle nostre idee. Sia chiaro, ad esempio, che mentre rivendichiamo i cambiamenti che ci sono stati a proposito del sistema pensionistico, della rivalutazione, alcune attenuazioni delle punte più acute, lavoratori in mobilità e così via, però voglio dirlo davanti al Paese: non ci sfugge il peso del mutamento nei progetti di vita di tante persone. Lamentiamo ancora, lasciatecelo dire, che riforme di questo genere, che hanno un loro concetto - certo utile - meriterebbero però una qualche gradualità in più, una qualche ponderazione in più.

Ci sono un paio di punti in particolare e mi fa piacere che siano stati raccolti da tutti negli ordini del giorno, anche con il consenso del Governo, che sono problemi prima ancora che di ordine finanziario, di ordine morale, il Paese deve qualcosa a gente che è andata a lavorare in fabbrica a 15 anni e non possiamo penalizzarli! Così come dobbiamo sapere che c'è gente, come abbiamo scritto, che è senza pensione, senza lavoro e senza ammortizzatori. Allora, io chiedo al Governo e credo di poterlo dire a nome, se posso, di tutti: su queste cose interveniamo subito, subito interveniamo, non lasciamo marcire queste cose.

Inoltre, credo che abbiamo compreso tutti quanti che con una riforma delle pensioni di questo genere si apre una porta abbastanza anche nuova, e drammatica per certi versi, sul tema del mercato del lavoro e noi adesso dovremmo dire a un giovane che ha avuto la totalizzazione, è un grande passo avanti, ma dovremmo dire a un giovane adesso come aiutiamo con il lavoro ad accumulare contribuzione. E a quelli di 55 anni che possono perdere il lavoro che altre risposte diamo? Io credo che ci sia consapevolezza che adesso parlare di mercato del lavoro significa affrontare questi temi, che sono prima di tutto i temi di un grande progetto sulle tutele e sugli ammortizzatori perché viviamo in un'epoca in cui il problema non è buttare fuori dal lavoro, considerato che se ne stanno andando tanti, il problema è andare dentro il lavoro e non essere strappati dal lavoro.

Certo ci sono cose in questa manovra, voglio dirlo, che non si sono mai viste in Italia, non si sono mai viste: la progressività netta sugli immobili, il coinvolgimento delle rendite finanziarie, la trasparenza a fini fiscali dei movimenti bancari, il concorso degli scudati. Sono novità rilevanti per questo Paese e assieme a questo, perché voglio essere chiaro, continuiamo a pensare, signor Presidente del Consiglio, che uno sforzo in più sulla tracciabilità andasse fatto e andrà fatto. Continuiamo a considerare che un'operazione vera e propria sul tema dei patrimoni, a cominciare da quelli immobiliari, ci avrebbe consentito - sarebbe stata fattibile - da subito anche di avere qualche esenzione ulteriore in più sull'IMU, pure apprezzando quello che è avvenuto in termini di esenzione anche nella sua curvatura per la prima volta familiare.

Per toccare poi il tema della crescita, voglio rispondere all'intervento - ma garbatamente spero - dell'onorevole Cicchitto sul tema delle liberalizzazioni: onorevole Cicchitto, ma è possibile che quando si parla di liberalizzazioni si parli sempre di mercato del lavoro o si parli di artigiani o di piccolo commercio, che c'è andato dentro anche questa volta, e tutti gli altri al riparo?

Onorevole Cicchitto, per toccare un punto solo, anche forse per sdrammatizzare un po', mi si lasci citare la relazione che nel 1888, dicasi 1888, fece a quest'Aula il Governo Crispi. Cito: è evidente che il privilegio del farmacista viene conferito dal diploma; è il diploma che conferisce al farmacista il monopolio Pag. 296dell'esercizio. E aggiungeva, la relazione: diciamo questo mossi a pietà per chi è obbligato a risecare il già tenue salario con la spesa per i medicinali. Dovremmo ricorrere ad un reduce garibaldino per cambiare uno iota, non dico tutto questo, sul sistema delle farmacie? Allora, farmaci, professioni, petrolio, assicurazioni, banche, trasporti, perbacco, ci sono tante cose da fare.
Salto altri punti perché mi interessa concludere. Capisco che il tempo sta stringendo e volevo dire qualcos'altro sulla crescita, a proposito del tema di sbloccare qualcosa, per favore, nei tavoli che si apriranno, sugli investimenti e gli enti locali, perché è l'unico modo per dare un po' di lavoro in questo momento. Bisogna derogare un po' al Patto di stabilità e vedere con i comuni se i fondi sociali oggi sono agibili per i disagi sociali che stanno crescendo. Infine, vado a concludere, signor Presidente, segnalando due punti per noi crucialissimi. In primo luogo, non possiamo più slegare la questione nazionale dalla dimensione europea. Se le teniamo separate non andiamo più da nessuna parte e tutto quel che facciamo qui può essere vanificato. Spendiamo la nostra credibilità e il nostro sforzo per convincere gli altri a mettere in comune non solo le politiche di disciplina, ma le politiche di difesa dell'euro e di crescita comune dell'Europa, e facendolo con tutti o facendolo con chi ci sta. Anche noi stiamo lavorando in queste ore ad una piattaforma dei progressisti. Chiediamo che il Governo assuma come problema nazionale questo.

Parliamoci chiaro: la manovra che facciamo oggi non sconta la recessione e quindi rischierà di aggravarla. Diciamolo chiaro: bisogna uscire da questo dilemma. Non possiamo, né in Europa né qui, rincorrere manovra su manovra una recessione con manovre che provocano un'ulteriore recessione. C'è un circolo vizioso che va interrotto, quindi chiedo, Presidente, che noi reagiamo così. Io la direi così e la invito a dirla così, molto semplicemente: noi non manderemo a fondo l'Europa, ma l'Europa di Merkel e Sarkozy non mandino a fondo tutti quanti, compresi noi. Volevo fare un cenno all'ultimo punto, per trenta secondi. C'è un ruolo per il Parlamento.

In questa fase c'è un ruolo che il Parlamento deve prendersi la responsabilità di giocare. Bisogna affiancare questa fase con delle riforme che tocchino la politica, le istituzioni e la legge elettorale. Se no sarà difficile dire che i sacrifici producano cambiamento. Su questo insisteremo come Partito Democratico.

venerdì 16 dicembre 2011

Venerdì 16 ore 21 Circolo PD Romana Calvairate
via Tito Livio 27



"Il lavoro e le nuove generazioni"

perchè non dobbiamo avere paura di una grande riforma


Intervista collettiva al sen. Pietro Ichino





mercoledì 14 dicembre 2011

Manovra. “Le modifiche vanno nella direzione giusta e sono frutto del nostro lavoro”


Pier Luigi Bersani durante la presentazione del nuovo numero di Tamtàm democratico tocca alcuni punti della manovra economica del governo Monti in corso di approvazione. Sulle liberalizzazioni “ Siamo stupiti, se non stupefatti, dalla debolezza del governo”


“Le modifiche vanno nella direzione auspicata, ci sono ancora un paio di questioni aperte ma nell'insieme si è fatto un lavoro efficace e credo che porti visibili i segni del nostro lavoro”. Questo è stato il commento alla manovra economica del governo Monti fatto dal segretario Pier Luigi Bersani a margine della presentazione del nuovo numero di Tamtàm Democratico.
“Il mondo non finisce qui – ha continuato Bersani - e anche nei prossimi mesi faremo valere le nostre idee. Non si può pretendere che il governo faccia il 100% di quello che faremmo noi ma intendiamo far pesare ancora le nostre idee”.


Meno positivo il giudizio sulle intenzioni del governo circa le liberalizzazioni. “Siamo stupiti, se non stupefatti, dalla debolezza del governo sul tema delle liberalizzazioni. Su questo la questione è ancora aperta” ha ribadito il leader democratico spiegando che in Aula arriverà un emendamento del PD.

Non saremmo qui se non avessero governato loro. Molto dura è la posizione di Bersani sulla bagarre messa in scena oggi al Senato dalla Lega contro la manovra del governo Monti. “Conosciamo la disinvoltura non inaspettata della Lega, dicano quello che vogliono ma noi diremo agli italiani che hanno governato otto anni su 10, non arrivano da Marte, e quindi si devono caricare la loro responsabilità. Non saremmo qui se non avessero governato loro”.

Frequenze TV. “Dal governo ci aspettiamo una nuova valutazione sulla gara delle frequenze tv. Bisogna prendere una decisione coerente con la situazione economica, non è tempo per concorsi di bellezza”. Per Bersani sarebbe meglio che l'esecutivo “sospendesse e reimpostasse la gara delle frequenze televisive o in questa manovra o anche fuori da essa”. E al leader Idv Antonio Di Pietro che ha ipotizzato 'inciuci' tra i partiti a vantaggio di Silvio Berlusconi, il segretario Pd torna ad avvertire: “Non si permetta, noi stiamo operando in assoluta trasparenza verso gli italiani”.
Ici e Chiesa cattolica. “Abbiamo detto al governo: c'è una norma che noi condividiamo che prevede il pagamento dell'Ici per gli esercizi commerciali della Chiesa. L'applicazione è ambigua e quindi o si aggiusta la norma o si faccia una norma applicata più chiara perché noi siamo perché ciò che è commerciale paghi”. Questa è la posizione del Pd rispetto alla questione del pagamento dell'Ici da parte della Chiesa. “La norma va chiarita – ha concluso Bersani - e più direttamente vanno impegnati i comuni a discernere situazioni a volte complesse”.

Abolizione delle Province. “Per avere risparmi e riorganizzare il sistema è più ragionevole che le Province diventino organismi di secondo livello. Sui modi e sui tempi ci siamo rimessi alle decisioni del governo”.
 
http://beta.partitodemocratico.it/doc/228026/manovra-le-modifiche-vanno-nella-direzione-giusta-e-sono-frutto-del-nostro-lavoro.htm

martedì 13 dicembre 2011

Il nuovo numero di Tamtàm democratico

E' consultabile online il nuovo numero del mensile di cultura politica del PD tamtàmdemocratico.

Il focus tematico di dicembre è dedicato ai cattolici e al loro contributo alla ricostruzione italiana. 

Vi figurano, tra gli altri, gli interventi di alcuni dei più rappresentativi esponenti del variegato universo associativo cattolico che ha partecipato al recente convegno di Todi. 

Sulle loro sollecitazioni e proposte intervengono studiosi e politici con diversi contributi di approfondimento. 

Questo numero della rivista intende essere un segno dell'attenzione e della partecipazione con cui il PD guarda a un mondo di esperienze e di valori essenziali per la sua cultura politica e il suo radicamento nella società.

 

          

Su patrimoniale, evasori e Ici vogliamo segnali chiari

In queste settimane il PD è impegnato in Parlamento per migliorare la manovra del governo Monti. Un impegno che stiamo raccontando in diretta, attraverso le testimonianze dei parlamentari PD che stanno lavorando, nelle Commissioni e in Aula, per una manovra più equa e giusta. 

Al governo chiediamo segnali chiari e inequivocabili su patrimoniale, evasori e Ici. La manovra ridia una prospettiva solidale al Paese, oppresso dall'immobilità del vecchio governo. 

Come spiego nell'intervista che ho rilasciato al Corriere, non chiediamo al governo di fare al cento per cento quel che faremmo noi. Saremo responsabili. Sappiamo che questa manovra è un messaggio all'Europa, è il segno di un Paese che si mette all'opera dopo anni di paralisi.

Segui il nostro lavoro su Diario della manovra e partecipa all discussione su Twitter con #diariodellamanovra.

Pier Luigi Bersani



lunedì 12 dicembre 2011

Riunione del circolo martedì 13

Carissimi,
 
e convocata per martedì 13 dicembre alle 21.00 la riunione del circolo Romana Calvairate con il seguente odg:
 
- Comunicazioni del segretario
- Preparazione dell'incontro col sen. Ichino
- Varie ed eventuali

--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

Giovedì 15 dicembre - Crisi economica e finanziaria, per un nuovo protagonismo dell'Italia in Europa


 
 logo pd LogoSD

MILANO, GIOVEDI 15 DICEMBRE
dalle 18 alle 20
Palazzo delle Stelline, sala Bramante
Corso Magenta 29

Crisi economica e finanziaria
Per un nuovo protagonismo dell'Italia in Europa


Introduce
Patrizia TOIA, vicepresidente del Gruppo S&D

Intervengono
Francesco PAOLETTI Ricercatore di economia applicata - Università Bicocca
Walter JOFFRAIN Ph.D. MIT - Senior Manager Corporate Finance
Anni PODIMATA Vicepresidente del Parlamento Europeo -relatore FTT
Stefano FASSINA responsabile dipartimento Economia e LavoroPD
Maurizio MARTINA, Segretario Regionale PD Lombardia

Conclude
Antonio PANZERI, Presidente Delegazione per i Rapporti col Maghreb


A cura del Forum Europa PD Regione Lombardia










Paola Zerbini
Via Pergolesi 8 - 20124 Milano
tel. 02.69.63.10.01 - telefax 02.69.63.10.23
www.pdmilano.org

mercoledì 7 dicembre 2011

Franceschini: Proporremo correzioni mirate all'equità sociale a cominciare dalle pensioni per i redditi bassi

“Il Pd garantisce tempi certi e la massima velocità per approvare la manovra. Non ci sarà l'assalto alla diligenza con una montagna di emendamenti ma propone alcune correzioni mirate”. E' la linea annunciata dal capogruppo Dario Franceschini dopo l'assemblea del gruppo Pd.

“Noi garantiamo – ha spiegato Franceschini - la massima velocità nell'approvazione del decreto in una settimana da che è arrivata alla Camera e che non ci sarà l'assalto alla diligenza né aggiungendo né con un'azione emendativa disordinata. Il Pd proporrà alcune correzioni mirate per migliorare la manovra in senso dell'equità sociale a cominciare dalle pensioni per i redditi bassi”.

Nelle commissioni, “ci confronteremo con il governo e le altre forze politiche”.

L'assemblea del Pd, ha aggiunto il capogruppo, “è stata segnata da un clima in cui i deputati sono il terminale di quanto avviene, avvertendo la responsabilità delle scelte ed il clima di preoccupazione nell'opinione pubblica per una manovra certo dura, complicata ma indispensabile per uscire da una situazione disastrosa”.
L’Italia prima di tutto



Uscire dall’emergenza, preparare la ricostruzione. Berlusconi ci ha portato a un centimetro dal fallimento, con il rischio di restare senza stipendi, senza pensioni e con le imprese e le famiglie al collasso. La manovra d’emergenza per evitare questo esito è inevitabilmente dura. Ma poteva essere più equa .

 
italia prima tutto volantino

Berlusconi ci ha portato a un centimetro dal fallimento, con il rischio di restare senza stipendi, senza pensioni e con le imprese e le famiglie al collasso.


La manovra d’emergenza per evitare questo esito è inevitabilmente dura. Ma poteva essere più equa.


Il Partito Democratico ha già imposto alcuni temi, come la tassazione dei capitali scudati, la tracciabilità nei pagamenti, l’abbassamento di un anno dei contributi previsti per le pensioni di anzianità (prima la manovra prevedeva 43 e 42) , la copertura fino alla pensione dei lavoratori in mobilità. Ma non basta.

Il Pd garantirà responsabilmente il proprio sostegno per evitare il fallimento, ma lavora per mettere, per quanto possibile, più equità nell’intervento deciso dal governo di emergenza presieduto da Mario Monti.

Quattro sono i temi sui quali intervenire, sia pure nel contesto di un iter parlamentare che si presenta come un sentiero molto stretto:

1. Pensioni. Innalzare l’ammontare della pensione che sarà rivalutata in base al costo della vita; rallentare l’applicazione della riforma sulle pensioni di anzianità e tenere in debito conto la situazione dei lavoratori che hanno cominciato l’attività da giovanissimi e dei lavoratori anziani che hanno perso il lavoro.

2. Casa. Innalzare la soglia di esenzione per l’Ici sulla prima casa, in modo da favorire i meno abbienti.

3. Evasione. Misure più concrete di lotta all’evasione fiscale.

4. Investimenti. Uno spazio nel patto di stabilità interno per permettere ai comuni di fare alcuni lavori, per esempio la messa in sicurezza e l’adeguamento ambientale ed energetico delle scuole.

Le risorse per fare questi interventi si possono trovare con interventi strutturali e una tantum: irrobustire il prelievo sui capitali scudati (ora è appena l’1,5 per cento); fare rapidamente un accordo con la Svizzera per la tassazione dei capitali italiani nelle banche elvetiche, seguendo l’esempio di Usa e Germania; vendere le frequenze tv invece di regalarle; reintrodurre almeno una o due delle misure contro l’evasione fiscale approvate dal governo Prodi e abolite subito da Berlusconi.

martedì 6 dicembre 2011

Illegal Network : quando le mafie avvelenano la quotidianità "

"Illegal Network: quando le mafie avvelenano la quotidianità"


 6 dicembre ore 19.30 presso l'Acquario civico
(Francesca Terzoni, Michele Polo, Rosa Palone, Rosa Palone , Emanuele Lazzarini, Stefano Indovino, Antonino Castorina, Umberto Ferrari, Dario Parazzoli)


E SE LA MAFIA NON CI PIACE?

La mafia a Milano non è più un'infiltrazione ma una presenza!! 
Riteniamo una necessità, se non un'urgenza, mantenere alta la sensibilizzazione dei nostri coetanei sul tema,
ribadire sempre più forte il nostro NO all'infiltrazione mafiosa, che sempre più capillarmente affligge la nostra città!
La mafia, come scrive Saviano, è un'ipoteca sul nostro futuro, sul futuro delle giovani generazioni,
 e sentiamo sia nostro dovere oggi mantenere alta l'attenzione sul tema, perché la mafia si sa, vive e si nutre della paura e dell'omertà.
È dunque il momento di raccontare!
Inizio previsto alle ore 19.30. Un'intreccio di letture teatrale, dibattito di esperti in materia e relatori giovanissimi a portare la loro testimonianza e il loro vissuto!


Appuntamento il 6 dicembre, ore 19.30 presso l'Acquario Civico di Milano, Viale Gerolamo Gadio 2,

  Giovani Democratici di Milano

sabato 3 dicembre 2011

prossimo incontro

Carissimi,
 
il prossimo incontro del circolo si terrà lunedì 5 dicembre alle 21 in coincidenza con l'interveto di Bruno Ceccarelli a chiusura del ciclo di incontri sull'urbanistica organizzato dal nostro circolo.
 
 
Martedì 6 dicembre dalle ore 19.30 presso l'Acquario Civico di Milano, in via Gadio 2, si terrà un'iniziativa organizzata dai Giovani Democratici alla cui realizzazione hanno contribuito in modo particolare i giovani del nostro Circolo.
 
L'obiettivo dell'evento "Illegal Network: quando la mafia avvelena la quotidianità" è di mettere in luce l'interconnessione che esiste tra l'infiltrazione della mafia nella gestione della cosa pubblica, e i cambiamenti, inconsci o meno, che tutti, ma soprattutto i giovani, subiscono nel loro vivere quotidiano.
 
Crediamo che sia importante questa nostra "trasferta" per partecipare numerosi a questa iniziativa, che rientra a pieno titolo nelle attività del Circolo.
 
 
La prossima riunione del Coordinamento del Circolo si terrà martedì 13 dicembre alle ore 21, come di consueto, per preparare l'iniziativa del 16 con Ichino e per discutere del programma per le iniziative future.
In allegato, per chi volesse studiarlo, il disegno di legge del sen. Ichino.

--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

venerdì 2 dicembre 2011

LE POLITICHE URBANISTICHE NELLA CITTA' METROPOLITANA


Lunedì 5 ore 21 presso il Circolo PD Romana Calvairate

LE POLITICHE URBANISTICHE NELLA CITTA' METROPOLITANA

Intervento di Bruno Ceccarelli, consigliere provinciale del PD

Incontro conclusivo del ciclo "CITTA', URBANISTICA, POLITICHE TERRITORIALI; STRUMENTI E PROCESSI"


Piscina Caimi - Comunicato del Circolo Romana-Calvairate

Comunicato del Circolo Romana-Calvairate

La piscina Caimi deve essere riaperta al più presto!



Il Coordinamento del Circolo Romana-Calvairate condivide la mozione approvata dal Consiglio di Zona 4 sulla questione della ristrutturazione e riapertura al pubblico della piscina Caimi.
L'intervento di ristrutturazione della piscina richiede un oneroso intervento economico, cui il Comune di Milano non è in questo momento in grado di far fronte. Il previsto affidamento dell'impianto balneare alla Fondazione PierLombardo, è subordinato a clausole precise che garantiscono per l'impianto l'uso pubblico e le tariffe comunali. Va inoltre tenuto presente che la Fondazione è pubblico-privata, dal momento che del Consiglio di amministrazione fanno parte rappresentanti di Comune, Provincia e Regione in grado di garantire l'interesse pubblico.
L'affidamento tramite convenzione è una modalità ampiamente utilizzata dal Comune di Milano per recuperare spazi abbandonati (per esempio le cascine comunali) senza costi economici per l'Amministrazione, che resta comunque proprietaria delle strutture. È evidente che alla Fondazione sarà concesso l'utilizzo della struttura in tempi e momenti fuori dall'attività natatoria per organizzare eventi e attività culturali, il cui scopo è l'ampliamento dell'offerta del teatro e il graduale rientro dei costi di investimento sostenuti per la ristrutturazione.


Il protocollo d'intesa per l'affidamento alla Fondazione PierLombardo è stato illustrato dall'assessore Chiara Bisconti e discusso in occasione di incontri pubblici che hanno visto la partecipazione di un'ampia platea di cittadini della zona 4.
A oggi, non è chiaro quali siano le obiezioni avanzate dai diversi "comitati" che si oppongono alla realizzazione del progetto e quale l'alternativa realistica proposta.
A meno che l'intento non sia soltanto quello di lasciare ancora per anni i cittadini senza un servizio ritenuto importante per la zona e non solo.


Il Coordinamento del
Circolo Romana-Calvairate

Appuntamenti di dicembre

Lunedì 5 ore 21
Circolo PD Romana Calvairate

LE POLITICHE URBANISTICHE NELLA CITTA' METROPOLITANA

Con Bruno Ceccarelli, consigliere provinciale del PD

Incontro conclusivo del ciclo "CITTA', URBANISTICA, POLITICHE TERRITORIALI; STRUMENTI E PROCESSI"


Martedì 6 ore 19.30
Acquario Civico, viale Gadio 2

alla realizzazione hanno contribuito in modo particolare i giovani del nostro Circolo

Illegal Network: quando le mafie avvelenano la quotidianità

“Illegal Network: quando le mafie avvelenano la quotidianità”


Venerdì 16 ore 21

Circolo PD Romana Calvairate


"Il lavoro e le nuove generazioni"
perchè non dobbiamo avere paura di una grande riforma



Intervista collettiva al

on. Pietro Ichino



lunedì 28 novembre 2011

Martedì 29 incontro in Carminelli

Carissimi,

martedì 29 novembre alle 21.00 ci incontrermo presso il circolo
Carminelli di via Archimede 13 per discutere le proposte della giunta
Pisapia su inquinamento, traffico e sicurezza di chi va a piedi e in
bicicletta, con il presidente della commissione Mobilità e Ambiente di
Milano CARLO MONGUZZI.

- Nuovo Ecopass a 5 euro per tutti i veicoli
- Piste ciclabili anche in zona 4
- Riduzione delle emissioni da riscaldamento

--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

venerdì 25 novembre 2011

Con ZINGARETTI E PISAPIA. Venerdì 2/12 - h.18

Carissimi,
siete invitati a partecipare all'iniziativa che si terrà venerdì 2/12, presso lo spazio Magna Pars, in via Tortona, 15, dalle 18.
Parteciperanno Nicola Zingaretti e Giuliano Pisapia. Sarà un'occasione per discutere del Pd e delle prospettive del Paese.

giovedì 24 novembre 2011

"Uguaglianza, efficienza, solidarietà: un lavoro più equo per tutti"

Cara democratica, caro democratico
ti ricordiamo l'importante appuntamento di domani, venerdì 25
novembre, alle 21.00 presso il Circolo Romana Calvairate di via Tito
Livio 27.
Sarà con noi l'on. Donata Lenzi, segretario dell'ufficio di Presidenza
del gruppo Pd alla Camera con l'incarico del coordinamento delle
politiche del territorio, della cultura, del welfare.
Nell'ambito della campagna "Politica per Passione" parleremo di lavoro
in un incontro dal titolo "Uguaglianza, efficienza, solidarietà: un
lavoro più equo per tutti".
Vi aspettiamo numerosi.

Vi comunichiamo altri importanti appuntamenti che si svolgeranno in zona 4:
- Oggi, giovedì 24, alle 21.00 c'è l'incontro contro la Violenza sulle
donne, al Teatro della XIV, organizzato dalla Comm. Politiche Sociali,
in particolare dalle donne Consigliere componenti della Commissione e
dal Presidente F. Mapelli.
- Domenica 27 dalle 16.00 alla Liberty per il primo evento di Zona 4
MUSICHE e PAROLE dal MONDO, con l'Associazione Afriaca.
E' nato il sito della Cultura di Zona 4 http://culturazona4.webnode.it/
, sul quale trovate le info anche su tutte le iniziative.
--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

mercoledì 23 novembre 2011

POLITICA PER PASSIONE "IL LAVORO"

25 novembre 2011, ore 21


- Incontro-dibattito con l'on. Donata Lenzi

"Uguaglianza, efficienza, solidarietà: un lavoro più equo per tutti"



martedì 22 novembre 2011

Venerdì 2 dicembre - Rifare l'Italia, costruire l'Europa

 

logo_pd

 

 

RIFARE L'ITALIA, COSTRUIRE l'EUROPA

Venerdì 2 dicembre ore 18
spazio Magna Pars - via Tortona, 15

 

 

Con Nicola ZINGARETTI


Interverrà Giuliano PISAPIA

Partecipano esponenti del Pd, del mondo della cultura, delle professioni, dell'associazionismo.
Sarà un'occasione importante per ragionare insieme dell'Italia che vogliamo.

 

logo_ok_rifareitalia_def

 

 

 

 

 


lunedì 21 novembre 2011

Assemblea degli iscritti di zona 4 martedì 22 novembre

Carissimi,

vi ricordiamo che domani, martedì 22 novembre 2011, alle ore 21.00
presso il Circolo Carminelli di via Archimede 13 si terrà l'assemblea
degli iscritti al PD di zona 4.

All'assemblea parteciperà Francesco Laforgia coordinatore dei circoli
della città di Milano e gli eletti nelle istituzioni (consiglieri
provinciali, comunali e di zona) iscritti nei circoli della zona 4 i
quali riferiranno sul loro operato e saranno a disposizione per
domande, proposte e consigli.


--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

venerdì 18 novembre 2011

Prima di tutto viene l'Italia

Da: Pier Luigi Bersani <redazione@pdnetwork.it>
Date: 17 novembre 2011 16:30
Oggetto: Prima di tutto viene l'Italia

Nei giorni che ci hanno portato alla formazione di un nuovo governo, il PD ha lavorato per una svolta a cui siamo arrivati sia con la mobilitazione in piazza, che con l'iniziativa in Parlamento.

Abbiamo chiesto di affrontare rapidamente l'emergenza con un governo di transizione di caratura tecnica e del tutto nuovo. Il risultato lo abbiamo visto nell'intervento di Mario Monti oggi al Senato e nella squadra di governo presentata ieri. Nomi e volti che possono garantire competenza e sensibilità, con una presenza femminile importante in ministeri chiave.

Clicca sull'immagine per vedere la conferenza stampa


>Gli altri video 


Come ho ribadito ieri in conferenza stampa, è ora di mettersi al lavoro e noi siamo pronti a collaborare e a dare sostegno attivo in Parlamento. Il nostro Paese deve riprendere il suo profilo in Europa e nel mondo. Per noi la parola d'ordine resta la stessa: prima di tutto c'è l'Italia.

Pier Luigi Bersani





giovedì 17 novembre 2011

infoPD 17/11

CAMPAGNA L'ITALIA SONO ANCH'IO
Dopo il successo della prima giornata di mobilitazione nazionale del PD per la campagna "l'Italia sono anch'io" del 22 Ottobre (a Milano abbiamo organizzato 6 banchetti e raccolto quasi 500 firme), la federazione del PD di Milano e i Giovani Democratici aderiscono anche alla seconda giornata di mobilitazione nazionale di sabato 19 Novembre.
Per presentare le due proposte di legge è necessario raccogliere entro il primo marzo, 50.000 firme: ovviamente quanto più alto sarà il numero delle firme tanto più valore politico l'iniziativa avrà.
Questa campagna, attraverso due proposte di legge di iniziativa popolare, propone una riforma del diritto di cittadinanza che introduca lo "ius soli temperato" e il diritto di voto alle elezioni amministrative per i cittadini stranieri regolarmente presenti da almeno cinque anni.
In allegato trovate l'elenco dei banchetti organizzati dal Pd nel corso del fine settimana.

I CIRCOLI DEL PD SOSTENGONO IL PIANO ANTIFREDDO
E' attivo da alcuni giorni il Piano contro il "Freddo" per assistere e accompagnare i senza fissa dimora in un periodo così duro e difficile dell'anno. Un Piano che, per la prima volta, cerca di misurarsi anche con la dimensione dell'inclusione e della promozione sociale volendo reinserire chi vive in condizione di povertà estrema nel circuito dei servizi.
Oltre ad un costante monitoraggio dell'azione delle unità mobili coinvolte su strada e dei luoghi di accoglienza notturna quest'anno Il Comune di Milano dà vita ad un'azione corale per non lasciare solo chi ha meno offrendo informazioni utili e azioni volte a togliere dalla strada.
In particolare chiede di sviluppare un gesto semplice e concreto, quello di portare nei sette posti fissi presenti in città sabato 19, dalle 9.30 alle 17.30, coperte, indumenti, vestiti, sacchi a pelo, libri, cd, dvd (I punti di raccolta saranno: P.le Argentina, p.le Baiamonti, v.le Papiniano, p.le Selinunte, P.le Baracca, Colonne San Lorenzo, P.za Bottini).
Per offrire un aiuto diretto a chi non ce la fa, per arricchire i dormitori con materiale utile a stare meglio, per sviluppare un'azione piccola e semplice contro la solitudine.
I circoli di Milano sono impegnati da una settimana nella raccolta delle coperte, che sono state portate al circolo Pd Romana Calvairate.
L'appuntamento sarà per tutti al dormitorio di Viale Ortles, 69 alle ore 16.30, dove l'Assessore Majorino, con alcuni ospiti particolari, racconterà tutta la nostra giornata solidale ai giornalisti e agli operatori dell'informazione e dove coglieremo l'occasione per consegnare alcune delle coperte che il PD ha raccolto.

PRESIDIO PER LA LEGALITA' DEI QUARTIERI POPOLARI
Settimana scorsa una Consigliera di Zona del PD di zona 9 si è ritrovata la macchina danneggiata. Questo, molto probabilmente, a causa del suo impegno contro il degrado dei quartieri popolari, che l'ha vista coordinare gli sforzi per garantire la legalità dove spesso non c'è.
Per rispondere a questa intimidazione ci sarà un presidio Sabato 19/11, alle 11, in via Padre Luigi Monti, per dare un segnale forte contro questi atteggiamenti e per riaffermare che la Giunta ed il nostro Partito lavorano per garantire la legalità nei quartieri popolari.
Invitiamo tutti ad essere presenti e a portare le bandiere del Partito Democratico.

INCONTRO CON DEBORA SERRACCHIANI
Domenica 27 novembre alle ore 9.30 presso la Casa di Alex, in Via Moncalieri 5, si terrà un incontro con Debora Serracchiani (Parlamentare Europea Pd).
Si parlerà delle prospettive del Paese nella nuova fase che si apre.
Insieme a Debora Serracchiani parteciperanno Franco Mirabelli (Consigliere Regionale Pd), Enrico Borg (Consigliere Provinciale Pd), (Onorio Rosati - Segretario Generale Camera del Lavoro di Milano), Emanuele Lazzarini (Consigliere Comunale Pd).
Seguirà un aperitivo offerto dalla Casa di Alex.
L'evento è organizzato dalla Casa di Alex, dai circoli Pd Prato-Bicocca e Niguarda-Rigoldi e dal Gruppo regionale Pd Lombardia.
Da lì Debora Serracchiani si sposterà per le 12.30 al circolo Enzo Biagi dove si terrà il pranzo in sua compagnia, cui si potrà partecipare con una sosstoscizione di 25 euro.
Per info e prenotazioni:
Circolo Enzo Biagi - Via Nikolajevka, 3 – Tel. 02/87280912 – email: pdcircolo.vianikolajevka@yahoo.it

VERSO GLI STATI GENERALI DELLA CULTURA
Sabato 26 novembre, dalle 9.30 alle 14, si terrà un incontro in preparazione degli Stati Generali della Cultura.
Introduce Emilia De Biasi ci saranno contributi di: Contributi di: Matteo Bianchi, Paola Bocci, Stefano Boeri, Francesco Laforgia, Maurizio Martina, Fabio Pizzul, Francesco Verducci.
Sono previsti interventi di esponenti del mondo della cultura, parlamentari, consiglieri regionali e amministratori del Partito Democratico della Lombardia.
Questo incontro vuole anche essere una tappa tematica verso la conferenza programmatica del Pd di Milano, sul governo di Milano e la città metropolitana, in preparazione per Gennaio.

PER CONOSCENZA
Oggi si terrà il coordinamento cittadino e ci sarà l'assemblea dei portavoce di circolo.
Entrambi gli appuntamenti avranno il seguente O.d.g.:
- situazione politica nazionale
- percorso verso la conferenza programmatica

Lunedì ci sarà la direzione provinciale che affronterà il tema di Expo 2015, con Stefano Boeri.

Venerdì ci sarà l'attivo degli iscritti presso la Camera del Lavoro di Milano, in Corso di Porta Vittoria, 43. Cercheremo di analizzare insieme l'attuale situazione politica.

Sabato 19 mobilitazione per i senza fissa dimora

Da: <ForumPoliticheSociali@comune.milano.it>
Date: 17 novembre 2011 14:09
Oggetto: Sabato 19 mobilitazione per i senza fissa dimora

A TUTTA LA MILANO POSSIBILE: AIUTATECI AD AIUTARE CLOCHARD E SENZA FISSA DIMORA.

E' attivo da alcuni giorni il Piano contro il "Freddo" per assistere e accompagnare i senza fissa dimora in un periodo così duro e difficile dell'anno.
Un Piano che, per la prima volta, cerca di misurarsi anche con la dimensione dell'inclusione e della promozione sociale volendo reinserire chi vive in condizione di povertà estrema nel circuito dei servizi.
Oltre ad un costante monitoraggio dell'azione delle unità mobili coinvolte su strada e dei luoghi di accoglienza notturna quest'anno diamo vita ad un'azione corale per non lasciare solo chi ha meno offrendo informazioni utili e azioni volte a togliere dalla strada.
Sappiamo che non è e non sarà facile.
Per questo chiediamo a tutta la città possibile di darci una mano.
In particolare chiediamo di sviluppare un gesto semplice e concreto, quello di portare nei sette posti fissi presenti in città sabato 19, dalle 9.30 alle 17.30, coperte, indumenti, vestiti, sacchi a pelo, libri, cd, dvd. (I punti li ripetiamo: P.le Argentina, p.le Baiamonti, v.le Papiniano, p.le Selinunte, P.le Baracca, Colonne San Lorenzo, P.za Bottini).
Per offrire un aiuto diretto a chi non ce la fa, per arricchire i dormitori con materiale utile a stare meglio, per sviluppare un'azione piccola e semplice contro la solitudine.
All'iniziativa, una vera e propria catena solidale, aderiscono numerose associazioni e organizzazioni del Terzo settore che rendono il "Piano" possibile.
Non solo. Sabato 19 apriremo ai cittadini il tradizionale dormitorio di viale Ortles volendolo rendere visitabile e fruibile sempre di più.
Ne stiamo facendo una vera e propria Casa dell'accoglienza.
Alle ore 16.30 di sabato, infine, proprio in viale Ortles 69 racconteremo, con alcuni ospiti particolari, tutta la nostra giornata solidale ai giornalisti e agli operatori dell'informazione.
In quell'occasione, poi, annunceremo le prossime tappe.
Visto che, davvero, per noi è solo l'inizio.

Non mancate.
Pierfrancesco Majorino
Assessore Politiche sociali e Cultura della Salute


Assemblea degli iscritti di zona 4

Martedì 22 novembre 2011 alle ore 21.00 presso il Circolo Carminelli di via Archimede 13 si terrà l'assemblea degli iscritti al PD di zona 4.
 
All'assemblea parteciperà Francesco Laforgia coordinatore dei circoli della città di Milano e gli eletti nelle istituzioni (consiglieri provinciali, comunali e di zona) iscritti nei circoli della zona 4 i quali riferiranno sul loro operato e saranno a disposizione per domande, proposte e consigli.

--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

martedì 15 novembre 2011

"Giornata Mondiale contro la violenza alle donne".


Giovedì 24 Novembre ore 21 presso il teatro della Quattordicesima


Una serata di dibattito e conoscenza dal titolo:

Insieme contro la violenza.

Per costruire in zona 4  una rete per le donne



Interverranno:

Ass. Diamo voce a chi non ha voce

Ass. Italiane vittime di violenza

Coop. Cerchi d’acqua

Ass. Donne Arabe d’Italia

Ass. Donne in rete

Casa delle donne maltrattate Milano

Comitato Se Non Ora Quando Milano


lunedì 14 novembre 2011

Raccolta materiali su recenti alluvioni

Nel seguito trovate la newsletter del Centro Italiano Riqualificazione Fluviale (CIRF)  in merito alle alluvioni che hanno devastato parte dell'Italia. Speriamo possa essere di vostro interesse.

Circolare n. 10 del 14 novembre 2011

ALLUVIONE IN LIGURIA: QUALCHE APPROFONDIMENTO




 

 

Dopo i tragici fatti dei giorni scorsi in Liguria, il CIRF è stato contattato da alcuni giornali e radio per fornire un parere tecnico in merito allo stato dei fiumi italiani e alle azioni da implementare.

 

Leggi il comunicato stampa del CIRF su Liguria Notizie

Leggi l'articolo di Paolo Rumiz su Repubblica del 06 novembre 2011

Scarica il podcast dell'intervista ad Andrea Nardini del CIRF su Radio 3 Scienza del 7 novembre 2011 "Un Po' di paura."

 

Segnaliamo alcune letture e documenti interessanti

 

Dal collasso delle Cinque Terre, Val di Vara e Lunigiana grida inascoltate - di Pietro Laureano

Vittorio Prodi su alluvioni: servono manutenzione del territorio e meteorologia radar  - di Vittori o Prodi

Video dell'International Traditional Knowledge Institute (ITKI) dell'UNESCO sul disastro alle 5 Terre, Val di Vara e Lunigiana.

Video "La campagna contro le alluvioni del 77. Sembra oggi" 

Ecco cosa è successo in via Fereggiano: la videoricostruzione  - Video da Repubblica

Corsi deviati e lavori mai fatti e i torrenti sono bombe a orologeria -  di Fabio Tonacci

Maltempo, il conto è salato spesi ogni giorno 875mila euro dossier di Repubblica

L'alluvione  speciale Presa Diretta su Rai 3, con un interessante intervento di Sansoni a 1h 33 minuti e 56 sec

Ambiente Italia    speciale Rai del 12 novembre 2011 sugli eventi liguri, con intervista di Maurizio Bacci e Pino Sansoni



giovedì 10 novembre 2011

MANIFESTAZIONE DI SABATO 12/11/11

Il Partito Democratico Lombardo e il Pd Metropolitano di Milano aderiscono alla manifestazione "Riprendiamoci il campo", lanciata da partiti, movimenti e associazioni ed esponenti della società civile, che si terrà Sabato 12 Novembre, a Milano, per far ripartire il Paese.
Ci troveremo tutti, dalle 14,30, ai Bastioni di Porta Venezia, mentre la conclusione sarà in Piazza Castello.
Qui il link al sito, dove potete trovare i promotori: http://www.riprendiamociilcampo.it/

--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

mercoledì 9 novembre 2011

In solidarietà con Genova

Carissimi,
il PD milanese, in sinergia con il PD di Genova, ha avviato due azioni concrete in solidearietà con gli abitanti della città duramente colpita dalle forti piogge dei giorni scorsi.
In allegato trovate il volantino elaborato dalla federazione di Genova per pubblicizzare il conto corrente dove raccogliere contributi economici: vi suggeriamo di avviare una raccolta in tutte le iniziative pubbliche della prossima settimana a sostegno della popolazione di Genova e di versare il ricavato direttamente sul conto corrente della federazione di Genova.
Inoltre, potete rendervi disponibili come volontari. Il PD di Milano organizza di piccoli gruppi di volontari che vadano a Genova nelle giornate di sabato e domenica. Per dare la vostra disponibilità per sabato e domenica potete contattare Lia Quartapelle (lillaq@yahoo.com). Se invece siete disponibili nei giorni feriali a partire da domani, potete contattare direttamente la federazione di Genova ai seguenti recapiti segreteria@pdgenova.it o 010.23461 oppure 010.2346205

Grazie
Roberto Cornelli

Incontri per discutere di urbanistica e PGT.

Il circolo PD Romana Calvairate ha organizzato una serie di incontri per discutere di urbanistica e PGT.
Ci saranno quattro incontri:

1. Il Pgt di Milano: strategie generali e scelte criticheAndrea Arcidiacono, Laura Pogliani, (DiAP, Politecnico di Milano)
giovedì 17 novembre, ore 18.00

2. Politiche urbanistiche e politiche urbane a MilanoGabriele Pasqui (DiAP, Politecnico di Milano)
venerdì 25 novembre, ore 18.00

3. Urbanistica e riforme in Italia e in LombardiaPaolo Galuzzi (DiAP, Politecnico di Milano)
mercoledì 30 novembre, ore 18.00

4. Le politiche urbanistiche nella Città MetropolitanaBruno Ceccarelli (consigliere provinciale PD)
lunedì 5 dicembre, ore 21.00

E' richiesto un contributo spese di 20 euro
Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 10-11-2011
pd.romanacalvairate@gmail.it
--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

lunedì 7 novembre 2011

Riunione martedì 8 novembre

Carissimi,
è convocata per martedì 8 novembre alle 21.00 la riunione del circolo
con il seguente odg:


- Comunicazioni del segretario

- Discussione sulla situazione politica a livello nazionale e sul
dibattito interno al partito alla luce dei recenti avvenimenti, con
particolare riferimento al ruolo e all'azione dei circoli a Milano
.


--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate

mercoledì 2 novembre 2011

Riunione del circolo giovedì 3 novembre

Carissimi,
 
è convocata per giovedì 3 novembre alle 21.00 la riunione del circolo con il seguente odg:
 
- comunicazioni del segretario
- il consigliere provinciale Bruno Ceccareli ci aggiornerà sulle attività del consiglio provinciale
 
Vi aspettiamo

--
Il Coordinamento
Circolo Romana Calvairate